La prospettiva

negozi_copertiLa prospettiva si riferisce alla relazione degli oggetti in una fotografia.
Questo include le loro posizioni e dimensioni relative e lo spazio tra di loro.
In altre parole, la prospettiva nella composizione di una fotografia è il modo in cui gli oggetti tridimensionali sono raffigurati in una fotografia che ha un piano bidimensionale.
Nella fotografia, la prospettiva è un’altra illusione che usi per produrre fotografie di composizione di qualità.
Quando si creano immagini, la fotocamera crea sempre una prospettiva.
Poiché una fotocamera produce automaticamente una prospettiva, molti fotografi alle prime armi ritengono che non sia necessario conoscere molto a riguardo, questo atteggiamento è tutt’altro che corretto.
Quando conosci i principi della prospettiva e li applichi abilmente, le fotografie che produci mostrano una buona resa della forma e del soggetto e allo spettatore viene data la sensazione del volume, spazio, profondità e distanza.
Inoltre, il fotografo può manipolare la prospettiva per cambiare l’illusione di spazio e distanza espandendo o comprimendo questi fattori, fornendo quindi un senso di scala all’interno dell’immagine.

Prospettiva lineare
L’occhio umano giudica la distanza dal modo in cui gli elementi all’interno di una scena diminuiscono di dimensioni e l’angolo con cui le linee e i piani convergono, questo è chiamato prospettiva lineare.
La distanza tra fotocamera e soggetto e la lunghezza focale dell’obiettivo sono fattori critici che influenzano la prospettiva lineare.
Questa prospettiva cambia quando cambia la posizione della fotocamera o il punto di vista.
Da una determinata posizione, cambiando solo la lunghezza focale dell’obiettivo, e non la posizione della fotocamera, non cambia il punto di vista effettivo, ma potrebbe cambiare il punto di vista apparente.
L’uso di diversi obiettivi a lunghezza focale in combinazione con diverse distanze obiettivo soggetto consente di modificare la prospettiva lineare nelle immagini.
Quando viene cambiata la lunghezza focale dell’obiettivo ma la distanza obiettivo soggetto rimane invariata, si verifica un cambiamento nella dimensione dell’immagine degli oggetti, ma nessun cambiamento di prospettiva.
D’altra parte, quando la distanza obiettivo soggetto e la lunghezza focale dell’obiettivo vengono entrambi cambiati, la relazione tra gli oggetti viene modificata e la prospettiva cambia.
Utilizzando la giusta combinazione di distanza da fotocamera a soggetto e lunghezza focale dell’obiettivo, un fotografo può creare un’immagine che sembra profonda o poco profonda.
Questa sensazione di profondità o superficialità è solo un’illusione, ma è un importante fattore compositivo.
Utilizzando un obiettivo a focale corta da una distanza ravvicinata da fotocamera a soggetto, si ottiene un’immagine con una profondità maggiore (da non confondere con la profondità di campo) rispetto a quella che si otterrebbe con un obiettivo standard.
Viceversa, l’uso di un obiettivo a lunghezza focale lunga da un punto di vista più distante produce un’immagine con una profondità meno apparente.

Prospettiva rettilinea
La maggior parte degli obiettivi produce una prospettiva rettilinea che è tipica di ciò che vede l’occhio umano.
Questo per dire che le linee che sono dritte nel soggetto sono riprodotte direttamente nell’immagine.
La maggior parte delle immagini sono realizzate con lenti rettilinee.
Gli obiettivi fisheye e le lenti utilizzate su fotocamere panoramiche producono una falsa prospettiva.
Una lente panoramica produce una prospettiva panoramica o cilindrica.
In altre parole, tutte le linee orizzontali diritte a livello dell’asse dell’obiettivo vengono
registrate come linee rette e tutte le altre linee orizzontali diritte sopra o sotto il livello dell’asse dell’obiettivo vengono riprodotte come linee curve.
L’altra falsa prospettiva è prodotta da un obiettivo fisheye in cui tutte le linee rette del soggetto vengono visualizzate come linee curve verso i bordi dell’immagine.

Prospettiva prospettica
Nella visione, linee parallele danno la sensazione di incontrarsi in punti di fuga.
Quando le linee parallele, orizzontali o verticali, sono perpendicolari all’asse della lente, si presume che i punti di fuga siano all’infinito.
Altre linee, quelle che sono parallele all’asse della lente e tutte le altre linee parallele a tutti gli altri angoli dell’asse della lente si incontrano in punti di fuga definibili.
Pertanto le linee parallele all’asse della lente, o quasi parallele, iniziano nella parte anteriore dell’immagine e si incontrano in punti di fuga all’interno dell’immagine o in punti finiti all’esterno dell’immagine.

Toscana

Prospettiva in altezza
Il luogo in cui la base di un oggetto si trova a terra in un’immagine è un indizio della sua distanza dal punto di vista della fotocamera; per esempio, in una scena di paesaggio, il terreno o il piano terra si alza verso l’orizzonte.
Più in alto nella zona di base dell’immagine (fino all’orizzonte) si trova la base di un oggetto, più lontano appare dal punto di vista e maggiore è la sua prospettiva in altezza.

Prospettiva di sovrapposizione
Un altro indizio di distanza in una fotografia è la prospettiva di sovrapposizione.
Quando i soggetti all’interno dell’immagine si trovano all’incirca sulla stessa linea di vista, gli oggetti più vicini al punto di vista della fotocamera si sovrappongono a oggetti più distanti e parzialmente nascosti.
È ovvio per l’osservatore che l’oggetto parzialmente ostruito è dietro l’oggetto non ostruito.
Questa sovrapposizione viene ripetuta più volte all’interno dell’immagine e dà allo spettatore un senso di profondità e una percezione della distanza relativa degli oggetti.

Prospettiva dimensionale in diminuzione
Attraverso l’esperienza della visione, sei consapevole delle dimensioni di molti oggetti comuni, come persone, alberi, automobili, edifici e animali; per esempio, sei consapevole che la maggior parte degli adulti è alta circa 150/180 cm; quindi, quando due persone sono mostrate in una foto e una sembra due volte più alta dell’altro, non si può presumere che uno sia in realtà più alto dell’altro.
Invece si assume che la persona più alta sia più vicina e che la persona più corta si allontani dal punto di vista della fotocamera.
In questo stesso modo, si effettua una valutazione della relazione di dimensioni di tutti gli oggetti familiari.
In questo modo è possibile stabilire una distanza da questa valutazione della relazione di dimensioni.
Più lontano è un oggetto dal punto di vista, più piccolo appare; quindi, quando i soggetti di dimensioni familiari sono inclusi in una fotografia, aiutano a stabilire la scala dell’immagine.

Prospettiva del volume
Quando un soggetto è illuminato con luce molto diffusa, la forma tridimensionale o il volume del soggetto è difficile da percepire a causa della mancanza di ombre distinte.
Se, al contrario, i soggetti sono illuminati da una forte luce direzionale proveniente da angoli che fanno sì che una parte del soggetto sia completamente illuminata e altre parti siano in ombra, viene fornito un indizio visivo della forma o del volume del soggetto.
Gli oggetti sono inclusi nell’area dell’immagine, la percezione della forma, del volume e della profondità viene aumentata.
Quando si utilizza l’illuminazione frontale o laterale, la lunghezza, la profondità e la forma delle ombre proiettate sul terreno forniscono una prospettiva del volume di ciascun oggetto.
Inoltre, la distanza tra le ombre proiettate sul terreno ti aiuta a percepire la profondità complessiva della scena.

strada

Prospettiva atmosferica
Per tutti gli scopi pratici, l’aria è trasparente.
Per la maggior parte delle fotografie, questo è fondamentalmente vero; tuttavia, quando le immagini sono fatte di soggetti a grandi distanze, l’aria è in realtà meno trasparente.
Questo perché l’aria contiene particelle molto fini di vapore acqueo, polvere, fumo e così via.
Queste particelle diffondono la luce e cambiano la sua direzione.
La presenza di scattering mostra soggetti distanti nelle immagini come se avessero un velo o foschia.
L’aspetto o l’effetto di questa dispersione è proporzionale alla distanza degli oggetti dal punto di vista.
Maggiore è la distanza, maggiore è la quantità di velatura o foschia.
Gli effetti di questa dispersione di luce sono additivi, ma variano a seconda delle condizioni atmosferiche.
Nella prospettiva atmosferica devono essere considerati diversi fattori:

– Contrasto:
La luminanza di ciascun oggetto in una scena è il risultato diretto della qualità riflettente degli oggetti e della quantità di luce che vi ricade.
Quando gli oggetti sono lontani, la luce proveniente da oggetti altamente riflettenti è dispersa; pertanto, se visualizzati da una distanza, le parti più scure di questi oggetti distanti non appaiono più scure e il contrasto si riduce.
Quando ci sono oggetti vicini e lontani dalla fotocamera, la differenza di contrasto fornisce una percezione della distanza.

– Luminosità:
Le particelle nell’aria che diffondono la luce sono anche illuminate dal sole.
Ciò provoca un aumento della luminosità generale degli oggetti visti.
Questo aumento di luminanza, associato a una perdita di contrasto, fa sì che gli oggetti in lontananza siano visti e fotografati di un colore più chiaro di quanto lo sarebbero a una distanza più ravvicinata.

– Saturazione del colore:
La dispersione della luce non solo influenza il contrasto e la luminosità, ma anche la saturazione del colore.
Il colore è definito da tre qualità: tonalità (lunghezza d’onda effettiva), saturazione (intensità o crominanza) e luminosità (riflettente).
Una tonalità pura è completamente satura o non diluita.
Quando una tonalità è desaturalizzata o diluita, non è più pura ma si è mescolata al grigio.
I colori reali di una scena lontana sembrano avere meno saturazione del colore, perché la luce è dispersa e anche a causa della presenza complessiva della luce blu desaturata (diluita) della foschia aerea.
I colori della scena originale appaiono meno saturi o puri se visti o fotografati da una distanza piuttosto che da un primo piano; pertanto, la saturazione del colore o la desaturazione consentono allo spettatore di percepire la distanza in una fotografia a colori.

– Nitidezza:
A causa della foschia atmosferica, c’è una perdita di nitidezza o definizione dell’immagine in oggetti distanti.
Questa perdita di nitidezza è causata sia dall’abbassamento del contrasto che dalla dispersione della luce.
La perdita di nitidezza contribuisce a un senso di distanza.
Questo può essere migliorato impostando il limite estremo della profondità di campo dell’obiettivo a breve distanza dall’infinito.
Questa procedura getta leggermente fuori fuoco gli oggetti più distanti.
Questo combinato con gli altri effetti delle intensità prospettiche aeree accentua il senso della distanza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...